Err

DISTILLATORE RAME LT 20 MOD. LISBONA - ( ALAMBICCO )

(Codice: 00014820)
323,50 EUR
Disponibile fra: 2 giorni
Aggiungere al carrello
DISTILLATORE RAME LT 20 MOD. LISBONA - ( ALAMBICCO )
  • DISTILLATORE RAME LT 20 MOD. LISBONA - ( ALAMBICCO )
  • DISTILLATORE RAME LT 20 MOD. LISBONA - ( ALAMBICCO )

L'Alambicco (o distillatore) in rame è l' ideale per la distillazione di vino (da cui si ottengono cognac,armagnac, pisco e brandy), vinacce (e cioè bucce e vinaccioli dell'uva da cui poi si ricava la grappa), mosto d'uva (si ottiene l'acquavite d'uva), sidro (calavados), canna da zucchero (rum e cachaça), cereali (whisky, gine altri spiriti "bianchi"), radici e tuberi amidacei o zuccherini,frutta varia, essenze.


La costruzione è interamente in rame per diversi motivi tra cui:

 

  • Alcuni composti solforati presenti nelle vinacce si legano chimicamente con il rame;

 

  • Il rame è un ottimo conduttore termico di calore, non teme le alte temperature, poiché fonde a 1083°C, non si deforma né si rompe anche sottoposto a notevoli sbalzi di temperatura. La massa da distillare non si brucia perché il calore non si concentra in un unica area ma si distribuisce su tutta la superficie;

 

  • Il rame è resistente alla corrosione visto che è un metallo molto resistente all'aggressione dei vapori alcolici prodotti durante la distillazione e agli acidi delle vicacce e della frutta;

 

  • Non cede gusto metallico al distillato e contribuisce alla neutralizzazione di odori e sapori sgradevoli.

 

L'alambicco è composto da una caldaia, che ospita le vinacce, da un tappo che lo chiude ermeticamente da cui esce un tubo, detto "collo di cigno" dentro il quale passano i vapori fino a raggiungere una serpentina, raffreddata ad acqua, dove i vapori stessi si condensano, ritornando liquidi e dando così vita al distillato.

 E' fondamentale di tutto il processo di distillazione la temperatura di ebollizione dell'alcol etilico (78,4 gradi centigradi). Nel metodo tradizionale di distillazione  (quello discontinuo) si mettono dapprima una quantità prefissata di vinacce e di acqua (di norma al 50%) e poi si inizia lentamente a scaldare la caldaia sul fuoco. Quando questa miscela incomincia a riscaldarsi si sviluppano inizialmente i vapori delle sostanze più volatili come l'alcool metilico, l'aldeide acetica e l' acetato di etile.

La condensazione di questi elementi, accompagnata da un odore sgradevole, rappresenta la cosiddetta testa, che, come è noto deve essere scartata immediatamente perché estremamente tossica e pericolosa.

Si tratta di metanolo che, se ingerito anche in piccole quantità può portare gravissimi problemi al nervo ottico fino alla cecità oppure portare direttamente alla morte.

A partire dai 78,4 gradi centigradi e sino ad arrivare alla soglia dei 100 gradi abbiamo il cosiddetto cuore della grappa, composto da alcol etilico e sostanze volatili che conferiscono a sua volta aroma e gusto al distillato. Se invece superiamo i 100 gradi c'è la "coda" che non è pericolosa per la salute ma è ricca di impurità e olio amilico spesso di sapore e odore molto sgradevole.

 Molto più semplici (e senza restrizioni legali) sono gli infusiche a partire da una grappa in bottiglia o da alcol per liquori consentono di ottenere ottimi prodotti (nocino,grappa al miele, grappa al mirtillo e molto altro).

TRATTAMENTO: La prima distillazione di pulizia è essenziale per pulire le impurità e le altre sostanze indesiderate. Queste sostanze, che sono inerenti al rame, si depositano dopo un lungo periodo d’ inattività del distillatore.

Articoli complementari
TERMOMETRO ALAMBICCO
25,40 EUR